Niente procedura di infrazione contro l’Italia

Nel giorno in cui il Parlamento Europeo ha eletto alla Presidenza l’italiano David Sassoli è arrivata anche la notizia, peraltro in parte prevista, che non ci sarà alcuna procedura d’infrazione Ue nei confronti dell’Italia. La Commissione Ue ha accolto le indicazioni degli sherpa e ha deciso di non raccomandare l’apertura della procedura contro l’Italia. 

A quanto si apprende a Bruxelles, così ha stabilito l’esecutivo comunitario nella riunione di oggi del collegio del commissari, dopo le misure correttive varate del governo sui conti 2019. La decisione è ufficializzata  dal commissario agli Affari economici Pierre Moscovici (nella foto), durante la conferenza stampa esplicativa della riunione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale