Spese per Natale a +11% per agroalimentare

Quest’anno l’agroalimentare, tra regali enogastronomici, pranzi e cenoni, è la voce più importante del budget destinato dalle famiglie per le feste di fine anno, con una spesa complessiva di 5 miliardi di euro, l’11% in più dello scorso anno. E’ quanto emerge dall’analisi Coldiretti/Ixe’ “Il Natale nel piatto”, presentata in occasione dell’assemblea con i nuovi trend 2019 sui cesti alimentari e la sfilata dei dolci tipici locali.

La maggior parte della spesa, segnala l’indagine, è dedicata al pranzo di Natale che l’85% degli italiani consumerà a casa.

Se per la vigilia molto gettonato è il pesce, a Natale prevale la carne, tra bolliti, arrosti e fritti, dall’agnello al tacchino, ma anche minestre, zuppe, paste ripiene, cappelletti in brodo e pizze rustiche. Rilevante è anche l’impegno ai fornelli con una media di 3,8 ore per cucinare; in particolare il 36% resterà in cucina meno di tre ore, il 16% da tre a cinque ore e il 18% oltre cinque ore.

Un ritorno in cucina accompagnato da una scelta attenta degli ingredienti. Lo dimostra il fatto che il 30% degli italiani ha scelto quest’anno di regalare per le festività vini, spumanti o prodotti alimentari tipici. La parola d’ordine è andare a caccia di curiosità e trovare il miglior rapporto qualità/prezzo, con il 70% che frequenta i tradizionali mercatini di Natale, di cui il 50% vi acquista prodotti enogastronomici.

“Dalle scelte di acquisto di questi giorni dipende il futuro di centinaia di migliaia di aziende italiane, con un impatto rilevante sul lavoro e sull’economia Made in Italy ma anche la difesa del patrimonio di biodiversità, dell’ambiente e il contrasto alla crisi climatica”, afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini che invita ad acquistare italiano. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale