Nel 2020 carne vegetale e canapa in grande crescita sulle tavole

A 20 anni dall’emergenza “Mucca pazza”, la bistecca alla Fiorentina trova un nuovo temibile competitor: la carne vegetale. I numeri di mercato della carne senza carne sono ancora di nicchia, ma secondo Whole Foods Market il 2020 segnerà, a livello globale, un calo della carne tradizionale a tavola e l’arrivo di un gran numero di cibarie a base di canapa e altri vegetali.

Nell’anno che verrà è attesa inoltre una rivoluzione nel bere con un aumento di bevande “zero alcol”. A delineare le imminenti scelte a tavola e nel carrello della spesa sono esperti internazionali, e soprattutto big buyer della grande distribuzione e retailer americani, che stilano ogni anno una top ten delle tendenze alimentari, incrociando le novità proposte in diverse fiere dall’industria alimentare e del benessere, con le preferenze dei consumatori.

Secondo Whole Foods Market non mostrano segni di rallentamento alcune mode già espresse nel 2019: un aumento dei prodotti a base di canapa, del consumo di carne “impossibile” e del packaging ecologico. Ma l’effetto Greta si misura anche con un’attenzione crescente all’agricoltura rigenerativa basata su pratiche rurali e di allevamento che ripristinano il suolo degradato, migliorano la biodiversità e diminuiscono le emissioni di anidride carbonica. Tra le tendenze c’è anche il boom dell’etnico, a partire degli ingredienti-base come la farina di teff, senza glutine e usata per cucinare l’injera etiope. 

Nelle dispense del 2020 farine di frutta e verdura sempre più innovative, a partire dalla banana e dal cavolfiore. Le ultime tendenze del confezionato negli Usa stanno già portando a sostituire le farine tradizionali con alternative come il tigernut, in patatine e snack, o le miscele di farina di semi per i dolci. Anche la pasta sarà colorata e a base di farine alternative. Tra le diverse cucine, il 2020 segna la scoperta collettiva dei piatti tradizionali dell’Africa occidentale. Dai 16 Paesi dell’area, l’industria alimentare importerà più moringa e tamarindo, sorgo e fonio, teff e miglio, e citronella. 

Per la pausa pranzo bisognerà dotarsi di un mini frigo anche in ufficio: dall’uovo sodo già condito alle zuppe monoporzione i nuovi snack e persino le barrette sono perlopiù refrigerate. 

Anche la colazione non sarà più coi soliti noti: i tofu scrambles possono sempre trovare posto in una colazione vegan, ma è soprattutto caccia grossa alle alternative alla soia, come i fagioli mung. Tra gli integratori sempre più semi di canapa, zucca, avocado, anguria e clorella dorata. 

Superfood a la page è il pili, e mentre l’olio di palma sembra al tramonto, arriva il burro dai semi di zucca e anguria, da noci e anacardi, mandorle, arachidi o ceci. 

Nel bere è caccia a una alternativa all’alcol: dagli infusi di luppolo alle acque frizzanti insaporite sarà l’anno dei cocktail zero alcol. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale