Il caro bollette riduce la capacità di spesa degli italiani

I rincari dei costi energetici svuotano i portafogli delle famiglie. E ne risente la complessiva capacità di spesa. A “farne le spese” gli altri acquisti, compresi quelli alimentari e, in genere gli acquisti dei beni al supermercato. Beni che, sull’onda dei crescenti costi energetici subiscono anch’essi continui rincari –

L’aumento dei costi alla fonte riguarda, ad esempio, pasta (+8%), biscotti (+10%), caffè (+5%), farina (+20%), zucchero (+5%) e olio di semi (+10%).

“Per il primo trimestre del 2022 siano previsti aumenti del 55% per l’elettricità e del 40% per il gas, un incremento insostenibile e al qual bisogna porre rimedio”, dice Giorgio Panizza, consigliere d’amministrazione del ‘Gigante’, gruppo della grande distribuzione che conta su una settantina di punti vendita. Che aggiunge: “Dobbiamo poi considerare anche  i rincari dalla plastica (+70%), del vetro (+40%) e della carta e del cartone (+31%) per gli imballaggi che inevitabilmente vanno a incidere su tutto l’andamento delle filiere”.

Insomma, la ridotta capacità di spesa delle famiglie finisce per pesare su tutto il sistema degli acquisti che vengono necessariamente ridotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale