Altaroma: la Fashion Week dei Saranno famosi

“Altaroma è la La fashion week degli sconosciuti? Questo termine mi piace molto perché chi è sconosciuto oggi, sarà conosciuto un giorno e noi lo aiutiamo. È stato strategico individuare in Roma questa specificità, gli addetti ai lavori che partecipano sanno che troveranno il nuovo e non sono distratti da altro. I giovani sono esaltati in tutto e per tutto, sono imprenditori coraggiosi che offrono progetti molto interessanti in linea con i tempi“. Così Silvia Venturini Fendi , Presidente della rassegna di moda romana all’agenzia Dire.

Perchè seppur meno patinata delle altre fashion week nazionali e internazionali, la settiman della moda romana in fase di svolgimento in questi giorni, ‘gioca’ un ruolo fondamentale per i designer di domani. E questa edizione si apre all’insegna del ‘Rinascimento’, tutto al femminile, ‘Il futuro è donna’ è il titolo del talk nella Sala Fellini degli Studi di Cinecittà condotto dal giornalista Stefano Di Traglia e dedicato all’imprenditoria e all’intraprendenza femminile. “Siamo quasi una famiglia per questi giovani designer – ha raccontato Silvia Venturini Fendi -, ecco perché amo definire la Roma Fashion Week la culla del nuovo. La moda intercetta il momento e con le sue visioni anticipa cambiamenti. C’è stata una forte reazione alla pandemia, vissuta anche con fantasia. Questa è la nostra quarantesima edizione in vent’anni, ma la quarantunesima la ‘vedo’ con molto pubblico”.

Economia circolare, moda etica e sostenibile, inclusione, parità di genere e innovazione sono le prerogative dei designer selezionati da Altaroma che partono dalla Capitale per poi arrivare a Milano e Firenze. “Oggi come oggi il designer non è più semplicemente un sarto, il creativo non è più solo un creativo – prosegue Venturini Fendi – è necessario conoscere tutti gli aspetti del processo produttivo e per questo a Roma ci occupiamo anche di formazione. Siamo l’unica fashion week che dà spazio alle scuole, alle accademie e agli istituti di moda con cui creiamo sinergie e opportunità”.

I designer di oggi lavorano creando un costante equilibrio tra artigianalità e innovazione: “L’innovazione tecnologica ha portato una grande ventata di novità e ossigeno alla parola artigianalità – spiega la presidente – Oggi l’artigiano attraverso il digitale ha una vetrina sul mondo. Dalla tua bottega nel piccolo borgo puoi arrivare ovunque se i tuoi prodotti sono validi”. Ecco dunque la rinascita dell’artigiano: “Molti giovani tornano a riconsiderare questo lavoro che fino a poco tempo fa era ‘cosa d’altri tempi’. Mi piace dire che oggi essere artigiani è estremamente ‘cool’, perché questa figura si sta completamente trasformando. Io mi considero orgogliosamente un’artigiana del lusso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale