Ucraina: Putin vuole eliminare Zelensky

Mentre l’offensiva russa in Ucraina si estende sempre più ed è guerra aperta nella capitale Kiev, Vladimir Putin non fa mistero di voler eliminare il presidente Selensky. Magari con un colpo di Stato dell’esercito ucraino.

Per questo Il presidente russo ha chiesto alle forze armate ucraine di “prendere il potere a Kiev” rovesciando il presidente Zelensky e i suoi collaboratori, definiti “neonazisti” e “drogati”.
“Prendete il potere nelle vostre mani, mi sembra che sarà più facile negoziare fra di noi”, ha dichiarato Putin alla televisione di Stato russa; il Presidente russo ha inoltre affermato che la Russia non sta combattendo contro unità dell’esercito ucraino, ma contro milizie nazionaliste che si comportano “come terroristi” e usano la popolazione civile “come scudi umani”.

Intanto i militari russi sono arrivati alla periferia di Kiev, dove le forze armate ucraine e i civili armati stanno cercando di opporre resistenza. Mosca ha fatto sapere di avere distrutto finora 821 obiettivi delle infrastrutture militari dell’Ucraina utilizzando armamenti ad alta precisione. Ma nelle prime ore di oggi, hanno confermato le autorità ucraine, è stato colpito con un missile o un razzo anche un edificio residenziale della capitale.
L’esercito ucraino, da parte sua, ha annunciato in un post su Facebook che più di 3.500 soldati russi coinvolti nell’invasione del Paese sono stati uccisi e quasi 200 sono stati fatti prigionieri.
Esplosioni dentro e intorno alla capitale sono state viste e udite dalle 2 alle 4 del mattino, con una breve pausa prima che si sentissero nuovi spari all’alba. È la prima volta dall’inizio dell’offensiva che vengono segnalate esplosioni all’interno della città, dopo giorni di pesanti combattimenti in periferia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale