Menabrea: le Leonesse del Piemonte

Dopo la Saga dei Florio “I Leoni di Sicilia”, il libro di Stefania Auci che ha venduto centinaia di migliaia di copie sia del primo che del secondo volume, ecco un’altra opera dedicata a una grande famiglia di imprenditori italiani: i piemontesi Menabrea, signori della birra.

Tocca a Francesco Casolo raccontare ne “La salita dei giganti” pubblicato da Feltrinelli (Pagg. 416, Euro 19) la storia della famiglia di birrai biellesi. Una storia dove la fanno da protagoniste le donne di casa Menabrea, la madre Eugenia e le figlie Genia, Albertina e Maria chiamate da tutti “le quattro Menabrea”. Furono loro, infatti, che alla morte di Carlo, marito e padre, dovettero farsi carico dell’azienda di famiglia.

La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non le sue sorelle, ad accompagnarlo in montagna? E perché, raggiunta la vetta, al cospetto dei Giganti del Monte Rosa, ha tanto voluto che lei, a soli sei anni, assaggiasse la birra?
Fra amori, gelosie, gloria e cadute – e un destino che, come una valanga, colpisce sempre nello stesso punto –, solo più tardi Genia intuirà quello che suo padre non aveva osato dirle: quel sorso di birra era un rito iniziatico. È lei la prescelta, l’erede designata per portare avanti la tradizione di famiglia, anche se nessuno vuole fare affari con una donna. Per riuscirci Genia dovrà, con l’aiuto della madre, diventare un Gigante, come suo padre e suo nonno e come le montagne ai piedi delle quali sono cresciuti tutti loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale