Ucraina: stallo diplomatico mentre continua l’offensiva bellica

Situazione di stallo a livello diplomatico nella guerra tra Russia e Ucraina. Mentre proseguono le ostilità da parte di Mosca, si intensificano le misure di sanzione dell’occidente nei confronti della Russia. 

Intanto il ministro degli esteri russo Sergey Lavrov  ha detto che “la Russia vuole concludere le ostilità in Ucraina “nell’interesse di due Paesi”. Secondo Lavrov, la fine della guerra sarebbe anche negli interessi del Donbass. Il ministro russo ha affermato che un accordo sul cessate il fuoco in Ucraina non era all’ordine del giorno del suo incontro di con il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. “Non sono sorpreso che il signor Kuleba abbia affermato che non era possibile concordare un cessate il fuoco. Nessuno qui avrebbe concordato un cessate il fuoco”.

Secondo Lavrov, “Putin non rifiuta di incontrare il presidente Zelensky. Probabilmente, un giorno, spero che si presenti una tale necessità. Le proposte sono state accolte dalla parte ucraina e ci hanno promesso che ci sarebbero state risposte molto specifiche. Noi stiamo aspettando”.

La Russia ha anche chiesto che venga convocata una riunione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu in relazione alle attività dei presunti laboratori gestiti dagli Usa in Ucraina.

Sul fronte di guerra le truppe della Russia stanno iniziando a riposizionarsi in vista di una nuova offensiva ed è “probabile” un attacco a Kiev nei prossimi giorni. Lo sostiene l’intelligence britannica, in un nuovo aggiornamento pubblicato dall’account Twitter del ministero della Difesa. E’ “molto improbabile”, invece, che la Russia ad oggi abbia raggiunto gli obiettivi militari che erano stati indicati prima dell’invasione. Secondo gli 007, le forze russe sul terreno continuano a fare “progressi limitati” e questo a causa sia dei “problemi logistici” sia della “forte resistenza degli ucraini”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale