Cronache dall’Ucraina: attacco a Leopoli e sindaci rapiti

Un carro armato russo in azione in Ucraina

Nuova notte di combattimenti in tutta l’Ucraina. I russi hanno attaccato duramente Leopoli. In un attacco missilistico a una base militare vicina alla città e al confine con la Polonia sono morte almeno 35 persone. 

Intanto un altro sindaco ucraino è stato rapito dalle forze armate russe: si tratta del primo cittadino della città occupata di Dniprorudne, nella parte sudorientale del Paese, nella regione di Zaporizhzhia. Lo riporta il Kyiv Independent. Il sindaco di Dniprorudne, Yevhen Matviiv, è il secondo sindaco rapito, dopo quello di Melitopol, da quando è iniziata l’invasione russa in Ucraina. 

La Russia sta cercando di creare nuove “pseudo-repubbliche” in Ucraina per spezzare il Paese. A lanciare l’avvertimento è il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un video nella notte, secondo quanto riportano i media internazionali. Zelensky si è appellato alle regioni dell’Ucraina, compresa Kherson, che è stata catturata dalle forze russe, affinché non ripetano l’esperienza di Donetsk e Luhansk. “Gli occupanti sul territorio della regione di Kherson stanno cercando di ripetere la triste esperienza della formazione di pseudo-repubbliche”, ha detto. “Stanno ricattando i leader locali, mettendo pressione sui deputati, cercando qualcuno da corrompere”, ha aggiunto.

Pur continuando l’azione militare Mosca si sarebbe detta aperta ai negoziati in Israele con Zelensky che parla di “un approccio fondamentalmente diverso” da parte del Cremlino. Più pessimisti Olaf Scholz e Emmanuel Macron, secondo il quale “Putin non vuole fermarsi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale