Propaganda ucraina: video shock con bombardamento russo su Parigi

Il governo ucraino che chiede alla Nato una no fly zone cerca di inporre la sua visione ricorrendo a vari mezzi di propaganda. Uno è la diffusione di un video shock su un finto bombardamento russo di Parigi

Nel video caricato su Twitter da Oleksandr Merezhko, presidente della commissione per gli Affari esteri e la Cooperazione interparlamentare, e rilanciato dall’account Twitter del giornale Kyiv Post, gli spettatori hanno avuto la possibilità di vedere com’è vivere qualcosa che non avrebbero mai pensato potesse succedere. “Pensavamo che non sarebbe mai potuto accadere”, ha sottolineato nel post. All’inizio del video si può vedere una donna di fronte alla Torre Eifel posare per scattare una foto, poi all’improvviso, degli aerei colpiscono nelle vicinanze dell’iconica torre parigina facendola trasalire e cadere per terra. In sottofondo si sentono le urla di persone e bambini mentre diversi attacchi aerei avvengono sopra la città. In un’altra scena, anche la Torre Eifel sembrava soccombere dopo un’esplosione.  “Pensa se ciò dovesse accadere in un’altra capitale europea”, dice il testo in sovraimpressione prima di una citazioni del presidente ucraino Zelensky che recita: “Combatteremo fino alla fine. Dateci una possibilità per vivere. Chiudete il cielo sull’Ucraina o dateci dei caccia aerei. Se cadiamo, cadete anche voi”.  

La clip di propaganda fa chiaramente riferimento alla richiesta del presidente ucraino alla Nato e all’Europa di istituire una no-fly zone sul suo Paese per evitare ulteriori bombardamenti da parte dei russi spesso anche su complessi civili come l’ospedale pediatrico di Mariupol.  Zelensky ormai ripete da settimane quanto sia fondamentale vietare l’ingresso nei cieli ucraini degli aerei russi. 

Ma accoglire la richiesta di Kiev significherebbe imprimere una grave escalation alla guerra estendendo il conflitto almeno ad alcuni paesi Nato come la Polonia. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale