Fiction tv: da stasera le avvocate Battaglia

Nuova fiction su Rai1 da questa sera alle 21,35: Studio Battaglia, un legal drama tratto dalla serie originale “The Split” prodotta da Sister Pictures in associazione con Little Chick e distribuita da BBC Studios. Si tratta di una produzione Palomar con Tempesta in collaborazione con Rai Fiction. Il titolo è prodotto da Carlo Degli Esposti, Nicola Serra e Carlo Cresto-Dina.

La serie ruota intorno alle vicende legate a uno degli studi di avvocati più celebri di Milano. Al centro della storia ci sono anche le vicissitudini della famiglia Battaglia. È composta da quattro donne, tutte avvocate. Madri, figlie, mogli e sorelle sono alle prese giorno dopo giorno con le fatiche lavorative che si intersecano con i nodi della vita privata. Incontri e decisioni difficili sono ordinaria amministrazione.

Anna, Nina e Viola Battaglia, interpretate rispettivamente da Barbora Bobulova, Miriam Dalmazio e Marina Occhionero, sono le figlie di Marina Battaglia (Lunetta Savino). Quest’ultima è un’avvocata temuta e rispettata, fondatrice dello studio.

Le avvocate Battaglia si occupano di diritto di famiglia. Nel corso degli episodi, per la prima volta, si trovano come avversarie. Anna, infatti, ha lasciato lo studio di famiglia.

Il divorzio, l’affidamento dei figli, l’eredità digitale sono tra le tematiche di stringente attualità che si trovano ad affrontare. Si confrontano anche su casi di cronaca. La grinta e la professionalità non mancano alle protagoniste. Sono tutte donne emancipate, di cui emergono anche l’umanità e la sensibilità. La vita con i suoi drammi, segreti e amori non può non intersecarsi con il lavoro e queste quattro donne fanno fronte a ogni problema con coraggio.

Scritta da Lisa Nur Sultan, la regia della fiction Studio Battaglia è affidata a Simone Spada.

Lisa Nur Sultan è candidata ai David di Donatello e vincitrice dei Globi d’Oro per Sulla mia pelle. Simone Spada, invece, è anche il regista di Rocco Schiavone 4: in occasione dell’uscita della stagione abbiamo avuto anche il piacere di intervistarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale