Carburanti: aumenti fino al 40% da inizio anno

Continua la corsa al rialzo dei prezzi dei carburanti che sono aumentati fino al 40% da inizio anno.

Lo ha calcolato Altroconsumo analizzando il costo della benzina e del diesel in modalità self durante la prima settimana di gennaio e confrontandolo con i prezzi praticati dalle più note insegne distribuite sul territorio nazionale. I rincari vanno da un 21% minimo per la benzina, arrivando anche al 40% per il diesel. La maggior parte delle insegne più diffuse ha registrato un incremento del 25% da inizio anno, relativamente alla benzina.

Tali aumenti si inseriscono in un quadro economico già fortemente critico per le famiglie, le quali avvertono una costante pressione sul loro benessere e sulla loro capacità di spesa. Urge, pertanto, un intervento governativo atto a mitigare tali aumenti: per questo motivo Altroconsumo ha scritto al ministro della Transizione ecologica Cingolani, al ministro dell’Economia Franco, al ministro per lo Sviluppo economico Giorgetti e all’Autorità Antitrust per chiedere interventi urgenti.

“L’aumento del prezzo dei carburanti ha raggiunto soglie preoccupanti. La situazione dei consumatori, già in difficoltà nel sostenere le spese quotidiane per i rincari energetici, rischia di diventare insostenibile. In più le cause di questi aumenti esponenziali sono tutt’altro che chiare e confidiamo, anzi, possano essere approfondite dalle Autorità competenti, in primis l’Antitrust, indagando eventuali responsabilità degli operatori della filiera. Ne frattempo, è importante che le Istituzioni assicurino interventi concreti per mitigare gli aumenti che impattano su famiglie e imprese” sottolinea il responsabile relazioni esterne di Altroconsumo, Federico Cavallo.

“Abbiamo pertanto scritto al Governo chiedendo di agire su vari fronti”, spiega Cavallo. ”In primis azzerando l’Iva applicata al prezzo dei carburanti: se l’azzeramento fosse effettuato oggi, il prezzo della benzina scenderebbe a 1,8 euro al litro’. Tuttavia, se non si arresta l’attuale crescita esponenziale, a Pasqua il prezzo potrebbe toccare la soglia di 3 euro al litro. In secondo luogo, proponiamo di rendere le accise decrescenti al crescere del costo industriale”.

”Infine, chiediamo di attingere, come già altri Paesi europei come la Francia hanno iniziato a fare, alle risorse aggiuntive scaturite dall’extra-gettito Iva scaturito dai rincari degli ultimi mesi e che, secondo i nostri calcoli, da inizio anno dovrebbe ammontare già a 85 milioni di euro: è giusto che questo ‘tesoretto’ venga utilizzato per alleviare il più possibile l’impatto su automobilisti e trasportatori, ad esempio abbattendo il prezzo alla pompa” conclude Cavallo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale