Netflix perde abbonati e valuta di inserire la pubblicità

Netflix perde abbonati e pensa di inserire la pubblicità. Nel primo trimestre del 2022 il network televisivo ha perso 200mila abbonati. Il contrario delle previsioni che indicavano un aumento: nei primi tre mesi del 2022, Netflix si aspettava di aggiungere circa 2,5 milioni di abbonati, mentre gli analisti attendevano un’aggiunta di 2,73 milioni.
A marzo la decisione di sospendere il servizio in Russia dopo l’invasione ucraina si è portata via altri 700.000 abbonati. Il colosso dello streaming ha diminuito gli abbonamenti anche in America Latina. Aumentanti invece in Giappone, India, Filippine, Thailandia,Taiwan. Netflix, che attualmente conta 221,6 milioni di seguaci nel mondo, ha riportato l’ultima perdita di clienti nell’ottobre 2011. Sotto le stime del mercato anche i ricavi, cresciuti del 10% a 7,87 miliardi di dollari. L’utile è calato a 1,6 miliardi dagli 1,71 miliardi dello stesso periodo dell’anno precedente. Affonda il titolo: negli scambi after hours a Wall Street, le azioni del colosso dello streaming globale arrivano a perdere il 25%. 

Il colosso dello streaming ha spiegato che il calo è legato principalmente alla difficoltà di acquisire nuovi abbonati in tutte le regioni del mondo, ma anche alla sospensione del servizio in Russia.

Per far fronte alla perdita di abbonati, le alte sfere della piattaforma hanno annunciato che valuteranno l’introduzione della pubblicità durante lo streaming, in cambio di un abbonamento a prezzo inferiore. Una mossa del genere permetterebbe a Netflix di guadagnare anche in base alle visualizzazioni dei contenuti, superando quindi il problema degli abbonamenti condivisi tra più utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale