Putin: la Nato ci minacciava, ci siamo difesi

La Piazza Rossa di Mosca durante la parata del 9 maggio

La Nato non ha voluto ascoltarci e ha continuato a minacciarci Così siamo stati costretti a difenderci. Questa la versione di Vladimir Putin sull’invasione russa dell’Ucraina.

Il presidente lo ha detto questa mattina nel suo discorso sulla Piazza rossa per la parata del 9 maggio per il 77esimo per la vittoria contro la Germania nazista.

“La difesa della Patria, quando il suo destino è stato deciso, è sempre stata sacra” ha detto Putin, rivolgendosi ai militari: “state combattendo per il nostro popolo nel Donbass, per la sicurezza della nostra Patria” “Il nostro dovere è conservare la memoria di coloro che hanno schiacciato il nazismo” detto Putin. “La Russia ha sempre sostenuto la creazione di un sistema di sicurezza uguale e indivisibile” ma secondo Putin “i paesi della NATO non volevano ascoltarci, il che significa che, in realtà, avevano altri piani e lo vediamo”.

“La morte di ciascuno dei nostri soldati e ufficiali – ha aggiunto – è un dolore irreparabile per tutti noi. Il personale militare arrivato dal Donbass partecipa alla parata. La Russia non voleva l’aggressione, ma non ha avuto scelta, è stata una decisione forzata, tempestiva e l’unica giusta: la decisione di un Paese sovrano, forte, indipendente. Il blocco Nato ha avviato lo sviluppo militare attivo dei territori a noi adiacenti” ha detto Putin riferendosi all’Ucraina. “Così, una minaccia per noi assolutamente inaccettabile è stata sistematicamente creata, direttamente ai nostri confini. Tutto indicava che uno scontro con i neonazisti,, su cui puntavano gli Stati Uniti e i loro partner, sarebbe stato inevitabile. Ripeto, abbiamo visto come si sta sviluppando l’infrastruttura militare, come hanno iniziato a lavorare centinaia di consulenti stranieri, ci sono state consegne regolari delle armi più moderne dai paesi della NATO. Il pericolo cresceva ogni giorno”.

Quindi l’affondo verso gli Usa: “Gli Stati Uniti d’America, soprattutto dopo il crollo dell’Unione Sovietica, hanno iniziato a parlare della loro esclusività, umiliando così non solo il mondo intero, ma anche i suoi satelliti, che devono fingere di non accorgersi di nulla e ingoiare docilmente tutto. Non rinunceremo mai all’amore per la Patria, alla fede e ai valori tradizionali, al rispetto per tutti i popoli e le culture. E in Occidente, questi valori millenari, a quanto pare, hanno deciso di cancellarli. Tale degrado morale divenne la base per ciniche falsificazioni della storia della seconda guerra mondiale, incitando alla russofobia, elogiando i traditori, deridendo la memoria delle loro vittime, cancellando il coraggio di coloro che vinsero, battendosi per la Vittoria”, ha detto Putin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale