Si rafforza la guerra in Ucraina, missili su Kiev

Mentre il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato costretto a cancellare il viaggio che aveva in programma in Serbia in seguito alla chiusura dello spazio aereo al suo volo da parte dei Paesi vicini c’è una recrudescenza della guerra in Ucraina con nuovi attacchi alla capitale. Diverse esplosioni sono state avvertite a Kiev all’alba di oggi.

La Russia “ha lanciato 5 missili da crociera X-22 dal Mar Caspio in direzione di Kiev” alle 6 del mattino (ora locale), ha comunicato lo stato maggiore delle forze armate ucraine, precisando che “un missile è stato distrutto dall’unità di difesa aerea ucraina, mentre gli altri hanno colpito infrastrutture nel nord della capitale”.In precedenza, Vadym Denysenko, consigliere del ministro degli Affari interni ucraino, aveva affermato che erano stati colpiti un obiettivo militare e uno civile. Secondo Oleksandr Kamyshin, amministratore delegato dell’impresa ferroviaria statale ucraina Ukrzaliznytsia, i missili hanno colpito un impianto di riparazione a Darnytsia, ferendo un lavoratore ferroviario.

L’attacco a Kiev potrebbe essere una risposta all’invio di nuove armi da parte dell’Occidente.
“Se i sistemi Himars saranno consegnati agli ucraini, ndr, ne trarremo le conseguenze appropriate e useremo le nostre armi distruttive, e ne abbiamo in quantità sufficienti, per colpire obiettivi che non stiamo ancora colpendo”, ha affermato Putin. Gli Stati Uniti si sono impegnati a consegnare alle forze ucraine quattro lanciarazzi di precisione Himars, ma con una gittata limitata a 50 chilometri. “Tutto questo chiasso su ulteriori consegne di armi ha come unico obiettivo quello di estendere la durata del conflitto il più a lungo possibile”, ha affermato ancora Putin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale