Cina e India aumentano le importazioni di petrolio russo

La Cina e l’India hanno aumentato i loro acquisti di petrolio dalla Russia proprio mentre l’Europa imponeva l’embargo su questa risorsa. Lo rivelano i dati diffusi da Refinitiv. 
La Cina ha importato lo scorso mese 800mila barili di petrolio russo al giorno, un dato che non include il greggio fornito via oleodotti. Rispetto a gennaio il volume è cresciuto più del 40 per cento. 

L’India, dal canto suo, ha importato via mare 700mila barili al giorno a maggio, rispetto a zero di gennaio. 
Cina e India hanno aumentato le importazioni perché “le sanzioni occidentali hanno ridotto il numero di acquirenti, avendo come conseguenza il fatto che il greggio russo può essere acquistato a poco”, ha spiegato a Nikkei Asia Takayuki Nogami, capo economista presso la Japan Oil, Gas and Metals National Corp. 

Dopo la decisione dell’Ue e degli Usa di bandire il petrolio russo, il greggio degli Urali – per lo più diretto al mercato europeo, è sceso a 90 dollari il barile, 35 dollari in meno rispetto al benchmark internazionale per il Brent. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale