Draghi vola a Gerusalemme per importare il gas israeliano

Draghi l’Amerikano punta su Israele per approvvigionarsi di gas e vola a Gerusalemme per stringere un patto con lo stato sionista che potrebbe attivare imponenti forniture di gas per il nostro Paese. 

Ma non solo di questo parlerà draghi con l’interfaccia israeliana. Infatti l’obiettivo è collaborare sui dossier decisivi dei prossimi anni: tecnologie all’avanguardia, agroalimentare, sanità e biomedicina, farmaceutica, sicurezza cibernetica, aerospazio.

E questa visita apre un tour internazionale che porterà Draghi prima al Consiglio europeo, poi al G7 e al vertice Nato, infine da Erdogan ad Ankara. Nel pomeriggio di martedì, il presidente del Consiglio sarà a Ramallah per un colloquio con il premier palestinese Mohammad Shtayyeh e per la firma di cinque intese bilaterali tra Italia e Palestina. In quella sede, Draghi ribadirà la classica posizione italiana, a favore di un negoziato per arrivare a una soluzione con due Stati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale