Dopo le elezioni si apre il confronto-scontro nelle coalizioni

Il Centrodestra ha vinto le elezioni amministrative di domenica imponendosi al primo turno a Genova, Palermo e L’Aquila ma anche in altri capoluoghi come Rieti, La Spezia, Oristano. Il Centrosinistra vince a Taranto, Padova e Lodi.

E all’interno della coalizione di centrodestra il voto cambia gli equilibri: per la prima volta certificato dalle urne, arriva il sorpasso di Fratelli d’Italia sulla Lega. E Meloni, forte dei risultati e del flop della Lega, lancia subito l’avvertimento ai compagni di viaggio: “Il fatto che siamo la forza di traino – dice – è un’indicazione della chiarezza delle posizioni. Agitare l’uomo nero – ammonisce – non funziona più”.

Sul fronte opposto al successo del PD fa da contraltare il flop dei 5Stelle che ora crea problemi nell’alleanza e nel cosiddetto campo largo sognato da Enrico Letta. In proposito Andrea Marcucci. osserva che”il Pd per competere deve avviare un dialogo con Azione, Italia Viva ed i civici”. Anche il senatore Alessandro Alfieri, coordinatore di Base Riformista, parla di “campanello d’allarme”, di “crollo clamoroso” e “preoccupante” dei 5 Stelle su cui riflettere.

Soprattutto si recrimina nei pentastellati. “Questi dati non ci possono soddisfare”, il Movimento “non riesce a stare sui territori” e a “intercettare le sofferenze” della gente. Non si nasconde, il leader pentastellato Giuseppe Conte. E dopo l’ennesimo flop 5 Stelle ci mette la faccia, annunciando la “fase 2” della riorganizzazione interna avviata ormai un anno fa ma “rallentata” – dice il presidente M5S in conferenza stampa – “sia da resistenze interne” sia da fattori “esogeni” come la diatriba legale in corso a Napoli. Non sorridono al Movimento 5 Stelle queste elezioni amministrative, anzi. E l’ex premier lo ammette davanti ai giornalisti. Anche nelle città che hanno visto un’importante affermazione della coalizione ‘progressista’ (che per Conte non è in discussione nonostante il tracollo M5S certificato dalle urne) l’apporto dei pentastellati non si è rivelato determinante. Lo dimostra, ad esempio, il risultato di Verona, dove nello schieramento di centrosinistra a sostegno di Damiano Tommasi il simbolo del M5S non figura neppure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale