Conte su Di Maio: ci siamo liberati del peso di avere uno dei nostri alla Farnesina

Ostentano sicurezza e fingono di averla presa bene i seguaci di Conte dopo la scissione del Movimento operata da Di Maio che ha privato la rappresentanza parlamentare di 60 seggi. Giuseppe Conte a sera affronta la questione con i grillini che hanno scelto di restare. “Ma che succede, ragazzi? Che c’è, davvero non ve l’aspettavate questa mossa di Luigi? Io l’avevo capito dalla settimana scorsa che cercava un pretesto per andarsene. Certo, un ministro degli Esteri che conta su una scissione nel giorno della risoluzione sull’Ucraina non mi sembra il massimo…”. Nella pattuglia dei sopravvissuti del Movimento, più che disperarsi perché «abbiamo perso la Farnesina», si celebra il fatto che «ci siamo liberati del peso di avere uno dei nostri alla Farnesina».

Insomma l’ex presidente del Consiglio nel rapporto col governo Draghi, sente da ieri di avere le mani più libere, di potersi sganciare all’occorrenza, di poter più agevolmente giocare a quel tira e molla che nell’ultimo anno e mezzo ha scandito tempi e modi della comunicazione di Matteo Salvini, che in queste ore (non a caso) punzecchia Di Maio e non lui. Con un unico vincolo, per adesso: non rompere col Pd, non superare i confini del campo largo costruito a fatica insieme a Enrico Letta e alla sinistra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale