Morto lo scrittore Raffaele La Capria

È morto a Roma all’età di 99 anni lo scrittore e sceneggiatore napoletano Raffaele La Capria. Fin dal 1978 collaboratore culturale del Corriere della Sera, era l’autore di tre romanzi, tutti pubblicati da Bompiani: Un giorno d’impazienza, con cui aveva esordito nel 1952, Ferito a morte, con cui vinse il Premio Strega nel 1961, e il meno riuscito Amore e psiche, del 1973. Fin dal 1961 inoltre lavorò come sceneggiatore, in particolare con Francesco Rosi – Le mani sulla città (1963), Uomini contro (1970), Cristo si è fermato a Eboli (1979), Diario napoletano (1992) – e più avanti con Lina Wertmüller.

Scrisse poi molti altri libri di altri generi: raccolte di racconti, saggi e testi autobiografici. L’ultimo, uscito nel 2018, è Il fallimento della consapevolezza, un memoriale sulla sua giovinezza, sulla scrittura e Napoli, città spesso al centro dei suoi scritti. Nel 2001 aveva vinto il Premio Campiello alla carriera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale