Assoutenti: il piano Cingolani non garantirà l’Italia

Roberto Cingolani

“Il piano nazionale di contenimento dei consumi di gas varato dal Governo per il periodo 2022-2023 non garantirà all’Italia di superare in sicurezza il periodo invernale, e non soddisfa pienamente i consumatori” si legge in una nota di Assoutenti. 

Come spiega Furio Truzzi, presidente di Assoutenti, il vero problema è la disponibilità di gas nel nostro Paese. Gli stoccaggi e gli approvvigionamenti infatti non sarebbero in grado di coprire il fabbisogno annuale: “Le soluzioni proposte dal Governo presentano luci ed ombre, ma al di là delle singole misure di contenimento dei consumi il vero problema è la disponibilità di gas nel nostro paese. Gli stoccaggi, che attualmente risultano fermi all’83%, e gli approvvigionamenti alternativi alla Russia non riescono a coprire i consumi stimati in Italia tra i 73 e i 76 miliardi di metri cubi all’anno” sottolinea Truzzi che, conti alla mano, stima la differenza di gas necessaria a superare l’inverno in sicurezza.

“Mancano all’appello circa 15 miliardi di metri cubi di gas e il piano presentato oggi consente di recuperare, peraltro in larga parte attraverso i risparmi sui consumi, solo la metà di quanto effettivamente serve a garantire una totale copertura”, spiega Truzzi che incalza il Governo a rendere nota la reale situazione in cui si trova l’Italia.  “Il Governo deve dire chiaramente quale è la reale situazione del nostro Paese, quanta disponibilità di gas hanno oggi le imprese dell’energia e, alla luce dei prezzi astronomici attuali, quante aziende fornitrici rischiano il default e quali misure si intendano adottare sul fronte del disallineamento dei prezzi dell’energia”, conclude il presidente di Assoutenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale